Progetto Welfare Quality

Improving cats welfare in breeding quality


Il progetto Welfare Quality è nato dalla sinergia, dall’entusiasmo e dal comune interesse per l’universo felino della Dott.ssa Francesca Serena e della Dott.ssa Sonia Campa, nell’ambito dell’ambito del Master in Etologia degli animali d’affezione dell’Università di Pisa. La ricerca è patrocinata dal gruppo di ricerca in Etologia e Fisiologia Veterinaria del Dipartimento di Anatomia, Biochimica e Fisiologia Veterinaria Etovet , dell’ Università di Pisa .

Obiettivi


L’obiettivo del progetto è quello di sviluppare una serie di linee guida per stimolare ed incoraggiare un tipo di allevamento orientato non solo alla riproduzione del gatto di razza ma anche al suo benessere fisico e psicologico nella vita di tutti i giorni in allevamento, nel pieno rispetto delle proprie caratteristiche etologiche.

Programma del progetto


Il programma si struttura in due passi fondamentali:
  • il primo passo consiste nella raccolta di dati statistici circa la condizione attuale degli allevamenti italiani. I dati raccolti in questa prima fase serviranno per mettere in evidenza i pregi e i difetti del sistema di allevamento italiano, in modo da evidenziare le aree di intervento e le aree da valorizzare ulteriormente.
  • il secondo passo consistera’ nella stesura di un insieme di linee guida a cui gli allevatori potranno decidere di aderire, su base volontaria, nello spirito di fornire ai loro compagni a quattro zampe un ambiente quanto piu’ vicino possibile all’ideale, tenendo conto delle loro caratteristiche di specie

A chi si rivolge


Il programma si rivolge a tutti gli allevatori di gatti di razza, di qualunque associazione, ma anche a semplici appassionati o proprietari di gatti che siano interessati a valorizzare la qualità di vita dei loro gatti, sia nell’ambito privato, sia nell’ambito dell’attività di allevamento.
Il programma è su base volontaria e completamente anonima.

Come si svolge


La prima fase del programma riguarda la raccolta di informazioni sullo stile di vita attuale dei gatti negli allevamenti aderenti al progetto. Lo scopo è quello di ritrarre un quadro della situazione attuale. Un comportamentalista farà un sopralluogo (in data e orario da concordare preventivamente con l’allevatore) che consisterà in:
  • una visita dei locali in cui viene espletato l’allevamento dei gatti allo scopo di analizzarne l’organizzazione spaziale e la collocazione delle risorse (lettiere, cucce, ciotole, ecc.)
  • l’osservazione diretta del comportamento dei gatti nel loro ambiente
Alla fine della visita, il comportamentalista si renderà disponibile a rispondere alle domande gestionali e comportamentali che gli allevatori vorranno rivolgergli e/o a fornire una consulenza comportamentale gratuita.

Il questionario anonimo


Durante la visita in allevamento, il comportamentalista compilerà un questionario precompilato atto a rilevare le caratteristiche ambientali e comportamentali dei gatti. Il questionario sarà redatto in forma completamente anonima.

Uso del materiale


In alcuni casi, il comportamentalista potrà chiedere di poter effettuare delle riprese video o fotografiche all’ambiente. Questo genere di materiale verrà raccolto per poter eventualmente essere utilizzato in forma anonima a scopo esemplificativo in ambito di conferenze e meeting di settore in cui i risultati del progetto verranno presentati in futuro. Il permesso da parte dell’allevatore di girare delle riprese video sarà rilasciato per iscritto attraverso una liberatoria che garantirà l’esclusivo diritto alla privacy.

Come aderire


Per aderire al progetto, è sufficiente iscriversi compilando il seguente modulo.

Attenzione: il sistema in iscrizione NON prevede che vi venga inviata un’email di conferma riguardo l’avvenuta iscrizione. Compilate il modulo e cliccate su “Registrati” e, a meno che il vostro browser non vi segnali esplicitamente un errore, potete assumere che la registrazione è andata a buon fine.

In alternativa, potete inviarci una mail all’indirizzo in cui vi preghiamo di specificare:

  • Sede dell’allevamento
  • Numero dei gatti presenti in allevamento
  • Presenza di cucciolate in allevamento
  • Disponibilità a concedere la liberatoria per le riprese fotografiche/video (si/no)
Verrete ricontattati nel giro di pochi giorni per fissare l’appuntamento con il comportamentalista. Per motivi di praticità, verrà data la precedenza alle persone residenti in Toscana e in regioni limitrome e a persone che si rendano disponibili a concedere la liberatoria per le riprese video.

Prospettive future


Il nostro obiettivo a lungo termine, con il contributo del maggior numero di allevamenti possibile, è di fotografare la situazione attuale italiana, di distribuire suggerimenti utili per una gestione etologica ed etica dei gatti in allevamento e promuovere presso le associazioni feline un programma d’eccellenza in grado di rendere riconoscibili gli allevamenti che piu’ di altri promuovono una gestione rispondente alle linee guida elaborate.
La diffusione della conoscenza delle linee guida passerà anche attraverso pubblicazioni su riviste di settore e di divulgazione allo scopo di sensibilizzare allevatori e semplici proprietari di gatti sull’importanza di fornire a queste creature meravigliose un ambiente quanto piu’ adatto possibile alle loro esigenze specie-specifiche.