Educazione e gestione

Lo ammetto. Quando si parla di gatti, la parola "educazione" mi sembra sempre un pò inappropriata.

Nel gergo comune "educare" qualcuno vuol dire impartire una serie di regole e di convenzioni per la pacifica e rispettosa convivenza comune. In questi termini, educare un gatto farebbe pensare a volergli "insegnare" determinati comportamenti che favoriscano la sua convivenza con noi. Così, c'è sempre qualcuno che si chiede "come posso educare il mio gatto a non salire sul tavolo?", "come faccio a fargli capire di non salire sul letto?", "come posso evitare che si faccia le unghie sul divano?". E io, ogni volta, mi domando se il senso della convivenza con un gatto sia realmente questo.

In realtà, il termine "educare" deriva dal latino e-ducere che significa letteralmente condurre fuori, quindi liberare, far venire alla luce qualcosa che è nascosto.
Sembrerebbe, allora, che in realtà il ruolo dell'educazione (e dell'educatore) non sia tanto quello di imporre o trasmettere delle regole, quanto quello di aiutare, guidare un individuo ad esprimere la propria natura, a crescere in libertà e coerentemente con il proprio modo di essere. Seguendo questa definizione, educare un micio non significa più condizionarlo a determinati comportamenti quanto, piuttosto, fornirgli tutte le condizioni ambientali e psicologiche che gli permettano di esprimere completamente la sua natura, senza per questo rinunciare alla sua amorevole compagnia.

Che meraviglia!

Questa prospettiva, rovescia completamente non solo il senso della parola "educazione" ma anche il senso della convivenza con un micio. Educare non significa più reprimere dei suoi innati, istintivi comportamenti che fanno parte del suo essere prima di tutto "gatto" e poi nostro compagno di vita... educare significa mettergli a disposizione un ambiente tale per cui tutti questi comportamenti siano liberi di esprimersi e vengano canalizzati su oggetti, persone, situazioni appropriate.

Questo è esattamente lo spirito con cui è viene curata la sezione del sito "Educazione e gestione": qui non vi verrà detto come "sgridare" il gatto se fa qualcosa di sbagliato ma, piuttosto, come agire affinchè certi suoi naturalissimi comportamenti possano esprimersi in maniera appropriata o possano essere reindirizzati laddove problematici.

E' importante ricordare sempre che il gatto è un animale che stabilisce con l'uomo un rapporto assolutamente paritario, che concede rispetto solo se rispettato e fiducia solo se non tradito. Ecco perchè è importante stabilire un rapporto basato sulla complicità, l'amicizia e la libertà reciproca, piuttosto che assumere atteggiamenti paternalisti di cui micio, dotato di profonda intelligenza e autonomia, non ha assolutamente necessità.

Articoli correlati

Sempre più spesso mi capita di leggere in giro per la rete opinioni riguardo l'educazione del gatto attraverso "sberlotti", "colpi sul muso", "schiaffetti". In altre parole, punizioni, ovvero somministrazione di stimoli avversativi con l'obiettivo di estinguere (cioè far cessare) un comportamento....
La notte di capodanno e dintorni induce sempre un certo picco di stress in moltissimi gatti, sia casalinghi che liberi. Il frastuono assordante dei botti e, soprattutto, l'incapacità dei mici di comprenderne provenienza e ragion d'essere, generano un'ansia di livello importante che, in alcuni casi...
Una delle lamentele più comuni fra i neo-proprietari di gatti fa riferimento alla loro attività notturna, che si aggira attorno alle 5.00-5.30 del mattino, causando un'inevitabile, tumultuosa sveglia. Lo schema è sempre lo stesso: appena il sole inizia a fare capolino all'orizzonte con una luce...
Questo articolo è stato originariamente scritto per CATpedia, un progetto ideato da ANFI Lombardia nell'ambito del Progetto Mentoring, con l'intenzione di rendere il meno stressante possibile la permanenza dei gatti nelle esposizioni feline. Un'esposizione felina è sempre un evento molto...
Chi ben comincia, è a metà dell'opera. Spostarsi da casa rappresenta sempre un gran disagio per il gatto. Perdendo qualunque riferimento olfattivo e venendo catapultato in un luogo che non conosce, che conosce poco o che gli fa persino paura (es. l'ambulatorio veterinario), il micio diventa...
Sempre più spesso le cronache ci raccontano di cuccioli venduti nei negozi di animali provenienti da loschi traffici est-europei, animali che affrontano viaggi di migliaia di chilometri ammassati in minuscole gabbie dove taluni cessano persino di vivere, altri arrivano nel nostro Paese in...
Prima di abbandonarvi completamente all'idea di adottare un secondo (o terzo, quarto, quinto...) micio, vi invito a leggere alcune riflessioni a proposito di questo argomento, nell'articolo Inserimento di un secondo micio in casa. Presa la decisione definitiva e compreso che il gatto è un animale...
L’eliminazione della pipì fuori dalla lettiera è uno dei problemi più frustranti e più diffusi tra i proprietari di gatti. Cerchiamo di capire le cause di questo disturbo che trova le sue giustificazioni sia in problemi di ordine fisico che comportamentale. Uno dei problemi più frustranti con cui...
Come comportarsi di fronte ad un micino spaurito che, una volta portato a casa, si nasconde sotto un mobile per giorni e rifiuta persino di mangiare o andare in lettiera? In questo articolo cercheremo di darvi alcuni consigli pratici per “rompere il ghiaccio” con il vostro timido amico. La...
Molto spesso, girovagando su internet e tra i forum di appassionati catofili, mi capita di leggere il consiglio di usare uno spruzzino per educare un gatto a non fare determinate cose. L'esempio e' sempre lo stesso: se non vuoi che il gatto salga sui fuochi della cucina o sul tavolo mentre mangi,...